Meta Tag Description: cos’è e come ottimizzarla?

I Tag Meta Description sono degli attributi HTML che forniscono agli utenti una sintesi delle pagine Web che andranno a leggere.

Le Meta Description vengono utilizzate dai motori di ricerca nelle pagine dei risultati (SERP) con lo scopo di fornire una migliore esperienza utente indirizzandolo a scegliere, attraverso questa piccola anteprima la pagina web di suo interesse.

Attraverso la presente guida andremo a vedere che ruolo ha e come ottimizzare al meglio una Meta Description anche se come ufficialmente comunicato da Google non si tratta di un fattore di posizionamento organico sui motori di ricerca.

Meta Tag Description

Codice HTML di esempio della Meta Description

Dal punto di vista tecnico il Tag Meta Description va inserito nella parte alta del codice HTML, attraverso la seguente sintassi:

< meta name= "description" content="Contenuto della Meta Description" / >

Quali sono gli Obiettivi della Meta Description?

Il Tag Meta Description ha il principale obiettivo di attirare l’attenzione degli Utenti che hanno digitato sui motori di ricerca una specifica query.

Creare una descrizione leggibile e allo stesso tempo coinvolgente è molto importante nell’inbound marketing perché può essere un arma vincente in confronto ai competitor sulle SERP che non hanno una meta description ben ottimizzata.

L’obbiettivo finale di un Meta Description è quella di invogliare l’Utente a cliccare sul tuo risultato di ricerca e di conseguenza migliorare la percentuale di Clic per una determinata pagina web: (CTR – Click-through rate).

Una Meta Description coinvolgente dovrà quindi essere editata secondo le seguenti “Best Practice“:

  • dare indicazioni chiare e precise di quanto l’utente leggerà nell’articolo;
  • contenere delle Call To Action iniziando con un verbo all’imperativo, come: “scopri“, “clicca qui“, “leggi di più“, “acquista ora” – ovvero invogliare l’utente a procedere con un’azione;
  • risolvere un problema specifico di una specifica query di ricerca – oppure dare solamente un assaggio di ciò che l’utente andrà a leggere;
  • sfruttare i benefit se si sta promuovendo un prodotto o servizio scontato, esempio: “50%” – “40%”, “sconti”, “saldi”;
  • sfruttare il principio della “scarsità del tempo” – dare l’impressione all’utente che manca poco tempo alla fine della promozione e di sbrigarsi a compiere un azione.

La precedente lista sono delle possibili soluzioni per ottimizzare in modo intelligente una Meta Description la quale deve essere una spiegazione aggiuntiva del Tag Title (titolo presente nei risultati di ricerca).

Qual’è la Lunghezza Ottimale di una Meta Description?

Verso la fine di Novembre 2017 un ulteriore Algoritmo di Google ha modificato la lunghezza delle Meta Description: dal limite massimo di circa 155 caratteri che vigeva precedentemente nelle SERP, siamo passati nel 2018 a circa 300 caratteri.

Lunghezza Meta Description

Ovviamente il numero massimo di caratteri che è possibile utilizzare è un numero “rappresentativo” in quanto varia a seconda dei Pixel utilizzati, ovvero se inseriamo un maggior numero di lettere “M”aiuscole il numero di caratteri che possiamo utilizzare diventa minore.

In che modo questo Algoritmo influenzerà la SEO?

Meta Description quali implicazioni lato SEO?

Come già accennato nell’introduzione della presente guida, Google ha ufficialmente comunicato che la Meta Description non ha valore sul Posizionamento sui Motori di Ricerca e quindi inserire l’inserimento delle focus keywords principali all’interno di essa non favorisce di certo il Ranking sulle SERP.

Le Meta Description tuttavia influisce come abbiamo detto sul CTR di pagina (percentuale di clic) il che indirettamente influisce sul posizionamento di pagina.

Il Nuovo Algoritmo di Google ha creato una probabilità maggiore di influenzare il CTR questo però dobbiamo valutare se in maniera positiva oppure negativa.

Infatti con la possibilità di inserire 300 parole potremmo dare la risposta ad una query specifica di ricerca come potrebbe essere una “precisa domanda dell’utente” e quindi utilizzare la Meta Description come se fosse una sorta di “risultato zero“.

Dare la risposta all’Utente attraverso la Meta Description significa abbassare la percentuale dei Click (CTR) di pagina e quindi di conseguenza influenzare “negativamente” la SEO?

Oppure ci sono buone probabilità che Google ci classificherà più in alto, anche se in realtà stiamo sacrificando un clic, perchè stiamo aiutando l’utente a ottenere la risposta di cui ha bisogno direttamente nei risultati di ricerca e quindi su Google.it?

La risposta a queste due domande è: “dipende” dalla tipologia di pagina per cui si sta editando la Meta Description e dai propri obiettivi di marketing.

Tuttavia è sempre bene ottimizzare una Meta Description inserendo le giuste e mirate informazioni per invogliare l’utente a cliccare sul tuo risultato di ricerca invece di un competitor.

E’ bene ricordarsi infine come vedremo nel prossimo paragrafo che Google non ci mostra sempre la Meta Description che noi abbiamo deciso di ottimizzare.

Meta Description e Google

Anche se ottimizziamo le Meta Description non vuol dire che Google le faccia vedere nelle SERP.

Questo è importante da tenere a mente in quanto la Meta Description varia a seconda della query di ricerca che l’utente ha digitato.

Questo si verifica quando Google ritiene che la meta description specificata nel codice HTML dal webmaster non risponde adeguatamente alla query di ricerca dell’utente.

Come è possibile vedere dalla seguente immagine, digitando differenti query di ricerca, Google decide o meno di inserire la Meta Description che gli abbiamo specificato nel codice:

meta description in SERP

Come avrai potuto notare dalla precedente immagine Google ha inserito la Meta Description da me inserita nei primi due risultati, mentre nel terzo ha inserito volutamente una parte del testo interno all’articolo, perché rispondeva meglio alla query di ricerca da me digitata.

Quindi i motori di ricerca combinano una Meta Descrizione, mostrano sempre le parole chiave e le frasi circostanti che l’utente ha cercato e le segnala con il grassetto facilitando gli occhi degli utenti a cercare la parola chiave inserita nella loro query di ricerca.

Quindi per ottimizzare al meglio una Meta Description sarà necessario compilarla con i termini di ricerca il più possibili vicini all’intenzione di ricerca di un utente.

Evitare Meta Description Duplicate

E’ importante che ogni pagina di un sito web abbia delle Meta Description uniche e non duplicate.

Matt Cutts di Google in questo è stato molto chiaro, come è possibile evincere da questo video, afferma che è meglio avere descrizioniuniche” e perfino assenti piuttosto che mostrare agli spider dei motori di ricerca Meta Description duplicate.

Un modo per risolvere il problema di Meta Description Duplicate consiste nell’implementare in modo “dinamico” di template semi-automatici per rendere le descrizioni automatizzate e differenti tra loro.

Per capire quali Meta Description del nostro sito web sono duplicate ci sono due strumenti SEO che ci vengono in aiuto:

Non includere virgolette doppie nella Meta Description

E’ importante ricordarsi di evitare di inserire le “virgolette” all’interno del codice HTML di una Meta Description.

Google infatti esclude dalle SERP le descrizioni che presentano tali caratteri, troncando la descrizione e inserendo parti del testo in pagina – per evitare questo sarà importante evitare di inserire tutti i caratteri non alfanumerici.

Jump to Link nelle Meta Description

Che cosa sono quei link che si trovano all’interno della Meta Description?

A seconda della query di ricerca che si digita è possibile notare dei link verso sezioni specifiche della pagina all’interno della Meta Description.

Jump to Link

A prima apparenza possono sembrare dovuti all’implementazione di “Dati strutturati”, ma invece non centrano niente.

Questi link interni che sempre Google decide di inserire a seconda della query di ricerca di un utente si chiamano: “Jump to Link“.

La loro funzionalità è appunto quella di far “saltare” l’utente dentro parti specifiche di un articolo.

L’inserimento di questi link nelle Meta Description sono dovuti all’inserimento di un TOC (Table of Content) all’interno di un articolo, ovvero un menu di navigazione con link interni ad ogni relativo paragrafo.

La creazione di TOC all’interno dei contenuti può facilitare la comparsa di questi “Jump to Link” all’interno delle SERP di Google.

Meta Description e WordPress

Inserire la Meta Description negli articoli su un sito creato con WordPress è molto semplice basta installarsi il Plug-in: WordPress SEO by Yoast.

Anteprima della Meta Description

Vuoi una Preview della Meta Description che hai appena creato, per capire se hai inserito il giusto numero di caratteri al proprio interno?

Puoi utilizzare il seguente strumento online gratuito che ti consente di vedere un Preview della tua Meta Description ed aggiornato con gli ultimi Algoritmi di Google.

Buon divertimento e buona Meta Description!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.